Non si arrende

.. non si ferma…

il maledetto Covid che ha imperversato sul mondo per tutto questo anno altrettanto maledetto non si ferma, anzi rinvigorisce e miete le sue vittime, giorno dopo giorno.

Sta ricominciando la storia, come questa primavera, ogni giorno sempre più casi, sia in Italia che nel resto dell’Europa, e ovviamente nel resto del mondo.

Un pitbull che ha azzannato e non vuole mollare la presa.

E la cosa assurda è che ci stiamo abituando, che sta diventando normale.

Esci per strada, entri nei negozi o nei centri commerciali e hai la mascherina, tutti hanno la mascherina.

Ad ogni ingresso di un qualsiasi posto pubblico coperto ci sono i distributori di liquido disinfettante e si crea la coda di persone che si vogliono disinfettare le mani (e a volte anche i guanti).
E l’accesso è consentito ad un numero limitato di persone.

La gente per strada si scansa per non passarti troppo vicino, bar e ristoranti coi tavolini a distanza di almeno un metro, orari di apertura ridotti, riunioni private di non più di 5 persone, coprifuoco alle 6 di sera…

Ma ci rendiamo conto ?
In quale film di fantascienza si è mai visto?
Dottore, il tuo Tardis è mai passato per il pianeta terra nel 2020?

Cito il sito dell’Ambasciata d’Italia a Lisbona, non metto il link perchè la pagina cambia a seconda dell’evolversi della situazione, questo al 28/10:

5/11/2020

Questo avevo scritto il 28 ottobre, poi un po’ in attesa delle cose che cambiano di giorno in giorno, un po’ anche per mia pigrizia, non ho continuato e pubblicato quello che avevo scritto.

Dopo una settimana, bersagliati da notizie man mano sempre più allarmanti, mi decido a continuare questo post.

Le notizie sono in modo triste e macabro quelle delle migliaia di contagi in tutto il mondo e, per quello che ci tocca più da vicino, in Italia e qui in Portogallo.

E qui si stanno toccando limiti che non erano mai neanche lontanamente stati raggiunti, basti pensare che il massimo era stato il 9 aprile con 1500 contagi, ieri 4 novembre sono stati quasi 7500.
Intendo in un giorno.

La cosa strana è che questa evoluzione pazzesca non sembra avere lo stesso effetto nella testa della gente di quella ben più contenuta (perlomeno qui) di 6 mesi fa.

Che sia stanchezza?
Abitudine?
Rassegnazione?

Innegabile che tutti abbiamo voglia, e bisogno, di tornare ad una vita normale, i portoghesi con le loro gite al mare e pranzi e cene al ristorante.

Poi ci diciamo che finalmente fanno molti più tamponi per cui ovviamente trovano più casi ma è davvero questo?

Se il Covid19 è un virus che uccide, e lo fa, tutti i casi che si scoprono adesso avrebbero avuto un’evoluzione nei mesi passati, no?

Secondo me sì, per cui questi sono davvero nuovi casi, il contagio è sempre più diffuso e sempre più facile, alla faccia delle mascherine e dei disinfettanti.

(ma io non sono nessuno, solo un banale essere umano qualunque che non sa niente e tira a indovinare)

Ma come dicevo ci si abitua davvero a tutto, non è più strano che ci sia in giro il nero fantasma con la falce che prende qui e là il suo raccolto.

Fa parte del quotidiano ormai, come avere un raffreddore (anche se uno starnuto o un colpo di tosse non sembrano più così banali, vero?), o come un cancro che fatalmente si porta via l’amico, la zia o il vicino di casa.

E’ diventato normale.

E fa un po’ paura avere questo come vicino di casa, che vive nella porta di fronte.

(Visited 5 times, 1 visits today)