Facciamoci un giro

Mi sono presa 2 giorni lontano da tutto.

A prescindere dal posto dove andare quello che mi serviva era stare lontana da casa, lontana da quella stanza, da quella casa dove i coinquilini mi stanno sempre più stretti coi loro mille piccoli casini, il bagno occupato, la cucina con lo scolapiatti sempre strapieno e per carità, ognuno mette via solo le cose sue!

Negli ultimi giorni avevo sempre meno pazienza, l’ultima cosa in odine di tempo è stata Sandra che ha invitato una sua amica a cena, dicendo “non preoccuparti, per quando finisci di lavorare la cucina è libera…”

“Non preoccuparti, il tempo che si cuoce la pasta, puoi farti la cena… ” sì, col lavello stracolmo di piatti e padelle, come dovrei fare secondo lei???

Vabbè, rabbia repressa, stanchezza, senza via di sfogo… ed ecco qui la via di sfogo.

Ho scritto parecchio durante il viaggio, voglia di raccontare e poi voglia di ricordare e di ritrovare magari per pochi minuti la serenità che deriva dall’essere ovunque, sola con me stessa, finalmente.

La pagina con le mie varie annotazioni, quasi sotto forma di diario, eccola qui.

(Visited 48 times, 1 visits today)