Ultime cose

Eh si, siamo quasi alla fine, in molti sensi.

Fine di quest’anno, non è stato il massimo, diciamocelo, e non consola molto che chiunque dica lo stesso, per tutti c’è stato qualcosa che non è andato nel modo giusto.

Incidenti, piccoli o grandi, perdite, malattie, sofferenze.

Che anno, questo 2012, se con te finiva davvero il mondo forse non era poi male, almeno avevamo un po’ di respiro.

Fine di questa mia seconda vita, iniziata quasi 4 anni fa con le migliori intenzioni, vissuta quasi giorno per giorno nella consapevolezza che quasi tutto quello che avevo me l’ero guadagnato con le mie mani.

Vissuta circondata dall’amore di grandi amici, che non mi hanno mai abbandonato, vissuta per scelta, forse per azzardo.

Ma come tutti gli azzardi si deve sapere quando smettere di puntare e, anche se porta molta sofferenza, sapere e accettare quando si perde… e io ho perso.

E adesso chiudo quella porta e inizio da capo, ancora non so come ma devo.

Che altra scelta ho?

Fine di questa casa, che è stata la mia casa, e solo mia.

Ultime cose schiacciate negli scatoloni, ultimi viaggi a casa di Chiara che mi tiene quello che può, cercare di vuotare il congelatore e il frigo, riaprire 10 volte l’armadio e il mobile del soggiorno per vedere cosa ancora manca da mettere via, il tavolo strapieno di cose da imbucare qui e là, dove c’è posto.

Un piccolo dolore che torna ad ogni scricchiolio o rumore, pensando istintivamente che la mia Piccina sia ancora qui, ma non c’è e non ci sarà più.

Lacrime ricacciate indietro, richiamate da diversi pensieri e la grande, forte sensazione di essere sola, assolutamente sola.

E adesso fa male più che mai.

Ultime cose, ultimi pensieri, quando mi permetto il lusso di pensare.

Anche quello di dire ciao a tutti, perdonatemi, ma non ce la faccio più.
..
Ma accendo una sigaretta e riparto, ho mille cose da fare, ancora.

E mi manchi..

(Visited 10 times, 1 visits today)