Difficile il Natale, menomale che c’è la famiglia portoghese

difficileDifficile parlare di quello che ci fa stare male

Difficile far capire le sensazioni, il nodo allo stomaco, il vuoto che non si riesce a riempire

Difficile definire cosa veramente si muove in questi momenti e fa mancare l’aria per un attimo, e fa mancare un battito al cuore

Difficile

Sarà il momento particolare dell’anno, quello che da sempre identifichiamo come quello che si vive con una sensazione, una consapevolezza di un momento speciale, diverso da tutti gli altri, un momento in cui forse più di qualunque altro si ha voglia di casa, di persone vicine, di certezze, di amore

Eppure per quanti anni ho vissuto questo momento lontana da tutto quello che mi circondava pur essendo lì presente

Quante volte ho rinnegato e spregiato questo periodo, dicendo dentro di me: ”speriamo che finisca presto”

Anche adesso coscientemente mi dico le stesse cose ma so bene di mentire a me stessa

Come l’ho sempre saputo

Quest’anno è ancora più difficile

Perché stavolta la lontananza è reale, piena, completa

È lontananza fisica, insormontabile, come se il mio mondo reale fosse su un altro pianeta

Si vero, si festeggerà, vero ci riuniremo tutti, noi anime isolate lontane da casa, e faremo finta che sia una festa, un affrancamento da tutto quello che faceva parte del nostro mondo normale, una liberazione

Ma pur cercando la liberazione ci troviamo, vicini a chi c’è, perché non possiamo stare vicini a chi è troppo lontano

Questo ci fa male, questo forse molti di noi, in una pretesa di indipendenza, non lo ammetterà

Ma dentro il nostro cuore faremmo di tutto per avere di nuovo quello che abbiamo lasciato e, per qualcuno, che abbiamo perso

Faremo festa, oh si, e mangeremo e rideremo e copriremo il nostro piccolo isolamento con scherzi e vino e chissà cosa pur di non pensare, di non sentire il morso che ci fa male dentro.

Oh si è difficile questo Natale passato lontano.

Anzi, non è davvero Natale

È il Natale passato con la nuova famiglia che ci siamo creati qui, una famiglia non veramente scelta ma che è nata con quello che c’è, con chi c’è.

E va bene, certo che va bene.

Ma… le nostre radici ci chiamano, le abitudini di anni fanno fatica a morire.

E con le enormi teglie di lasagne, la caponata e il vino e il panettone… Buon Natale famiglia portoghese.

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.