8 marzo..

Torna l’odiata Festa della Donna.

No, non odiata, fastidiosa.

Le mimose, le cene di sole donne, i convegni e le riunioni, a tutti i costi solo “rosa” chissà poi perchè.

Come se gli uomini non fossero in grado di capire quello che le donne dicono, pensano, discutono, in quelle riunioni.

Come se la discriminazione femminile si potesse combattere solo dividendosi in “fronti”.. uomini contro donne.

Che stronzata pazzesca.

E come se andare in pizzeria o riunendosi a discutere fosse davvero combattere.. ma stiamo scherzando?

Di anno in anno è sempre più acquisito, dato per scontato, che un giorno all’anno, quel giorno, le donne abbiano più diritti.

Diritto di riunione, diritto di cena fuori non accompagnate, diritto di manifestare riempiendosi la bocca di parole come “femminismo, femminicidio, discriminazione, diseguaglianza..”

Oh, certo, gli uomini concedono questi diritti, grazie.

E il giorno dopo, dopo poche ore, tutto è esattamente come prima, sia che si combatta oppure no.

Complimenti Donne, dico davvero.

(Visited 6 times, 1 visits today)