Vale

Oggi ho in mente Vale…
ho fatto il quadretto di Leone e poi fankazzato un po’ al pc, un po’ giocato, un po messo a posto le foto…
Pensavo ai figli, a come ti scappano via e quando te ne rendi conto ormai è troppo tardi..
quello che è fatto è fatto…
e il tuo compito anche se non proprio finito è ormai alle spalle
E in quel momento vedi se quello che hai fatto è giusto o sbagliato, se il risultato del tuo imparare ad essere genitore è positivo oppure un fallimento… solo allora puoi fare i conti..
Il fatto è che quando sono piccoli pensi di avere tanto tempo, tutto il tempo del mondo..
ma non è così… senza rendertene conto la vita scivola via e quello che lasci oggi e poi domani… piano piano se ne va per non tornare…
Pensavo al testo di Gibran che ho appeso in soggiorno…
“…Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati, come frecce viventi…”
Vale… è la mia freccia, che ho lanciato alla sua vita, e la sua vita dirà se ho saputo prendere bene la mira, se gli ho dato abbastanza per fare bene la sua strada…
Ho da sempre la sensazione che non sia così, adesso, col senno di poi, mi dico che avrei dovuto fare di più, avrei potuto fare di più…
Rimpiango i momenti in cui l’ho trascurato, quelli in cui ho preferito fare altro piuttosto che stare con lui…
E rimpiango la scelta di mollare tutto e andarmene per ricostruire la mia vita lontano da lui..
..riesco solo a pensare che almeno sentirà meno la mia mancanza quando me ne andrò…
Vale… ti voglio bene

(Visited 3 times, 1 visits today)