Last day pre ferie

L’ultimo giorno di lavoro prima delle ferie non comincia poi male.

A parte che mi sono svegliata prima delle 7, come al solito, e adesso che potrei dormire anche 2 ore in più la cosa mi fa un po’ incazzare.
Ma mi ci sto abituando.

Poi ieri sera mi sono accorta di aver finito il tabacco, sicuramente non arrivo a domenica, per cui sai cosa ho fatto?

In banca a prelevare, che tanto era una cosa da fare in previsione di andare via, colazione in Padaria con tutti i crismi – caffè pingado, sumo de laranja, brioche, tavolini all’aperto, mascherine e distanziamento sociale – e ovviamente tabaccaio.
E i Pasteis de Nata da portare a casa 🙂

Molto tranquillo, molto rilassante, specialmente in previsione di questo ultimo giorno di lavoro che, se sarà come il resto della settimana, sarà a dir poco estenuante.

Il mio orario, che è da un paio di settimane 11-20, si presta a tutte le rogne che arrivano dopo l’orario “normale” di tutti gli altri agenti e siccome ci sono solo io indovina un po’ a chi arrivano le rogne?

Ma anche a questo mi ci sto – quasi – abituando, in fondo non mi dispiace “uscire” dalla routine di un lavoro che dopotutto è ripetitivo quasi fino alla nausea, dopo 6 mesi che è sempre lo stesso.

Insomma, va bene anche così.

Ma c’è la prospettiva del break, finalmente per 20 giorni starò lontana da tutto quello che in questi mesi è stato il mio quotidiano e ti assicuro che non vedevo l’ora.

E domani sarà giorno di valigia, ultime cose da prendere, cena coi ragazzi che poi non rivedrò – che tornano in Italia definitivamente – stampare l’autocertificazione Covid, lavatrici.. insomma il solito giorno pre-partenza.

Il volo è a posto, nessun cambiamento dell’ultima ora (per ora), la macchina è noleggiata, mia sorella mi aspetta domenica sera.

Caxx, era proprio ora!

E allora buon last day pre ferie, Luisa 🙂

(Visited 8 times, 1 visits today)