Ipocondria

Cito da wiki:
http://it.wikipedia.org/wiki/Ipocondria
In medicina, e più informalmente nel linguaggio comune, il termine ipocondria si riferisce alla preoccupazione eccessiva e infondata di una persona riguardo alla propria salute
Insomma… sono un malato immaginario?
In effetti non lo so neanch’io cosa voglio… spero che mi trovino qualcosa o che mi dicano che va tutto bene?
E nel primo caso… perché ?
Ho davvero bisogno di avere qualche strano male per attirare l’attenzione?
Forse è questo..
Forse cerco una scusa per sentirmi consolata, coccolata… per sentire che ho qualcuno vicino..
Leggo sempre da wiki:
Tra le cause principali dell’ipocondria vi sono l’ansia e la depressione e da un punto di vista psicologico essa è definibile come un meccanismo di difesa da un pericolo interno o esterno, associato alla vita relazionale e sociale oppure all’identità.

E’ vero?
In effetti è da quando sono a casa, senza impegni di nessun tipo oltre a vari esami in ospedale e visite, che ho 3000 sintomi diversi…
a volte penso a me stessa come a un catalogo medico, altre come se fossi ormai da demolizione…
Il bello è che saperlo, essere cosciente che tutto sta nella mia testa, dovrebbe automaticamente risolvere il problema…
Ok ci provo… adesso basta.
Oggi visita dal cardiologo… la dottoressa ha visto esami su esami e il succo del verdetto è: se lo tenga !
Un po’ di palpitazioni sono niente, una cosa normale sapendo che c’è un piccolo prolasso alla mitrale… non c’è niente da fare e non si risolve …
prenda un’aspirina !
La cosa mi va bene razionalmente, che discorsi …
E allora ok, mi sono stufata… STO BENE … e fanc al resto !
Inizierò col dentista, vediamo di sistemare quello… per il resto stop.
Piccola nota, scritta in attesa della visita, Ospedale di Vigevano
nonna con ragazzino sui 10 anni… obeso… 
colgo una battuta al volo:
“E’ tuo papà che è rimbambito !
Ma rimbambito davvero !
Ha trovato quella marocchina o tunisina e non ha capito più gnent…
Mi si stringe il cuore pensando a come gli errori dei genitori ricadono sui figli.. che di colpa hanno solo quella, essere figli.
Penso a quel ragazzino.. a come può sentirsi adesso e a come crescerà, a che tipo di uomo e poi di padre sarà…
..
Sarebbe ora che imparassi a vedere chi ha davvero problemi, chi davvero sta male… invece di continuare a piangermi addosso

(Visited 5 times, 1 visits today)